SCENES D'INTERIEUR - PARIS
4/8 SETTEMBRE 2009

HALL5B

info

NEWS & EVENTI
 
     

MANDALA - 4 aprile/7 maggio 2009, Pordenone

"Il mandala è un diagramma cosmologico utilizzato come guida alla meditazione e alla preghiera nelle religioni indù e buddista; rappresenta pittoricamente l'universo ed è costituito da simboli racchiusi da una fascia esterna. Benché ciascun mandala possieda caratteristiche individuali, il concetto e la struttura dei diversi mandala sono fondamentalmente i medesimi. L’ autore del mandala “entra” nell’ opera e, concentrandosi su ciascuna delle sue fasi, man mano che si avvicina al centro, ne assorbe la logica della forma. Il mandala rappresenta, secondo i buddhisti, il processo mediante il quale il cosmo si è formato dal suo centro; attraverso un articolato simbolismo consente una sorta di viaggio iniziatico che permette di crescere interiormente.                                                                                                                      

Per i buddisti il vero mandala può essere solamente mentale, le immagini fisiche servono per mostrare ciò che si forma nella mente dell’ artista e vengono consacrate solo per il periodo durante il quale è utilizzato per il servizio religioso e, dopo un certo periodo di tempo, viene distrutto, spazzando via la sabbia di cui è composto. Questo gesto vuole ricordare la caducità delle cose e la rinascita, essendo la forza distruttrice, anche una forza che dà la vita.                                           

Benché il mandala appartenga alla tradizione orientale, l’immagine del cerchio sacro ricorre in tutte le culture della storia dell’umanità: dalle incisioni rupestri dell’Africa e dell’Europa all’ebraismo e al cristianesimo, dalle culture sciamaniche e dai nativi americani fino all’arte sacra degli aborigeni australiani. La valenza simbolica e archetipica del mandala è stata evidenziata da Carl Gustav Jung, che ha fatto ricorso a questo psico-cosmogramma rituale come strumento terapeutico.              

Anche i lavori di Paola Paronetto possono essere considerati dei mandala, tessiture di sogni sottili sapientemente orditi in un materiale effimero, l’ argilla, che il fuoco trasforma in porcellana."

Gianni Pignat

 

italiano

english

©2009 Paola Paronetto